Alpe Veglia e Marmitte dei Giganti

L’ Alpe Veglia è un vasto anfiteatro selvaggio e ben isolato, costituito parco naturale nel 1978. Proprio a causa della difficoltà a raggiungerla, l’alpe è abitata solo nella stagione estiva ed il suo isolamento ha contribuito a preservarla in tutto il suo splendore.
Questa escursione descrive uno dei due possibili tracciati che da San Domenico salgono fino all’Alpe, passando per Ponte Campo.
Giunti a San Domenico è possibile proseguire in auto a Ponte Campo, fino in fondo alla strada che termina con un parcheggio sulla destra dove è possibile lasciare l’auto (3 euro). Si prosegue a piedi lungo la mulattiera del Nembro (chiusa al traffico), dove anche i fuoristrada hanno non poche difficoltà a salire. Una strada per alcuni tratti ripida ma che subito mostra la bellezza del luogo, fino ad arrivare alla Cappella del Groppallo da dove la strada si fa più pianeggiante. Sulla destra un profondo canyon in fondo al quale scorre il Rio Cairasca. Proseguendo lungo il sentiero si arriva ad un muretto in pietra che rappresenta l’ingresso alla Piana di Veglia. Alcune panchine in legno favoriscono una breve sosta. Poco avanti un ufficio informazioni, attualmente chiuso a seguito dei recenti tagli in finanziaria nelle assunzioni pubbliche, come cita il cartello esposto. Da qui partono diversi itinerari, tutti ben indicati, tra cui il Lago D’Avino (2 ore), il lago delle streghe (35 minuti), il lago Bianco (circa 2 ore), il Rifugio Arona (20 minuti, da cui si puo’ poi salire per il Lago Bianco) o l’Alpe Devero raggiungibile in di 6 ore e mezza. La nostra escursione prosegue invece per il grazioso paesino Cianciavero, costituito da case in pietra, e prosegue in direzione delle marmitte dei giganti raggiungibili in circa 20-30 minuti. Il ritorno è previsto lungo lo stesso itinerario dell’andata.Tempi di percorrenza: da Ponte Campo all’ape Veglia circa 1 ora e trenta, per 400 metri di dislivello. Dall’Alpe Veglia fino alle Marmitte dei Giganti circa 30 minuti.
Come arrivare in auto: da Milano con la A8 poi seguendo la A26 fino a Gravellona Toce e continuando per la statale del sempione. Prendere l’uscita Varzo e proseguire in direzione di San Domenico, dove è possibile lasciare l’auto o proseguire a piedi allungando l’itinerario di circa una mezz’ora fino a Ponte Campo (sconsigliato).
Ulteriori informazioni: www.alpeveglia.it

Ti potrebbe interessare anche...